Prende il via l’intergruppo parlamentare Spazio.

Print Friendly, PDF & Email

Primo incontro tra il nuovo Intergruppo Parlamentare Spazio (la cui nascita è stata fortemente sollecitata nei mesi scorsi dalla nostra Associazione) e le rappresentanze del Settore Spazio.

Nel corso dei lavori – che sono stati coordinati dagli Onorevoli Benamati e Carrozza e dai Senatori Bocchino, Liuzzi e Tomaselli -, il Presidente ASAS, Ing. Maurizio Fargnoli, ha dichiarato che “Dando seguito all’incontro con alcuni parlamentari avvenuto il 26 giugno durante la consegna del Premio Space Economy di ASAS, la creazione di quest’intergruppo dimostra la necessità di un dialogo sempre più approfondito tra Istituzioni e mondo industriale.

L'intergruppo Spazio incontra le imprese: intervento del presidente ASAS.

L’intergruppo Spazio incontra le imprese: intervento del presidente ASAS.

Il contributo attivo allo sviluppo delle attività spaziali nazionali ed europee da parte di un numero significativo di Parlamentari della Repubblica, permetterà di garantire la necessaria continuità di azione da parte degli Enti preposti, della comunità scientifica e dell’industria nazionale indispensabile per accrescere i benefici per i cittadini, le notevoli ricadute economiche e per assicurare l’eccellenza delle attività spaziali italiane nel settore industriale e accademico”.

Il vicepresidente, Armando Orlandi, che partecipava all’incontro in quanto Delegato alle PMI dell’associazione, ha commentato ponendo l’accento sulla ”urgenza di una strategia nazionale che offra alle PMI reali opportunità per sviluppare le proprie capacità di innovazione e per portare sui mercati i loro servizi e prodotti, valorizzando, a tale scopo, i tavoli di lavoro istituiti o da istituire a livello di Agenzia Spaziale e nelle altre sedi istituzionali competenti”.

 

COMUNICATO UFFICIALE DELL’INTERGRUPPO

Roma, 16 Ottobre 2014.  Si è svolta ieri sera la prima iniziativa del nuovo Intergruppo Parlamentare per lo Spazio che raccoglie oltre 50 tra Senatori e Deputati che hanno ritenuto di porre la loro attenzione al settore delle attività spaziali consapevoli di quanto questo assuma sempre più una connotazione multisettoriale, che lambisce gli ambiti tecnologici, strategici, culturali, economici e, con essi, la vita quotidiana dei cittadini.

Proprio mentre si avvicina il cinquantennale del lancio del primo satellite italiano (dicembre 1964), il nuovo Intergruppo Parlamentare per lo Spazio si è costituito seguendo un modello interparlamentare, traversale alle singole Commissioni e con l’ambizione di contribuire alla costruzione di un vero approccio da “Sistema Paese” che coinvolga il Governo, il Parlamento, le Istituzioni di settore, le Amministrazioni locali, le componenti Industriali e della Ricerca.

Tra i principali scopi dell’Intergruppo si evidenziano:

  • dare visibilità al settore Spazio quale fondamentale vettore tecnologico e di sviluppo del Paese;
  • sostenere le attività del settore spaziale, che rappresenta un’eccellenza italiana e vede l’Italia tra i primi 5 players globali;
  • stabilire un dialogo duraturo e proficuo con gli attori istituzionali e industriali (associazioni, grandi imprese, aggregazioni nazionali e regionali) coinvolti;
  • cooperare, anche tramite le attività di controllo e indirizzo, con il Governo e i Ministri interessati per le definizione degli indirizzi strategici del settore Spazio.

Per la sua operatività, l’Intergruppo si avvarrà di un Coordinamento composto da quattro Deputati e quattro Senatori, con il contributo dell’ex Ministro della Difesa Mario Mauro e dell’ex Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Maria Chiara Carrozza.

Coerentemente con la sua impostazione e i suoi scopi, la prima azione dell’Intergruppo è stato l’incontro di ieri cui hanno partecipato una ventina di parlamentari ed una nutrita e altamente qualificata delegazione composta dai vertici delle principali aziende e dalle rappresentanze dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), delle Associazioni industriali (AIAD. AIPAS e ASAS), della Piattaforma tecnologica SPIN-IT e del Cluster Tecnologico per l’Aerospazio.

L’incontro ha consentito l’avvio di un confronto concreto sulle risorse che il nostro Paese dovrà saper mantenere e focalizzare nei Programmi Spaziali e per individuare le priorità nazionali anche in vista della partecipazione italiana all’European Inter-parliamentary Space Conference (EISC), che si terrà a Parigi il 20 e 21 ottobre, e della cosiddetta “Ministeriale ESA (Agenzia Spaziale Europea)” che si terrà a dicembre.

 

Per approfondimenti sul tema si veda anche:

https://www.asaspazio.it/dossier/gli-intergruppi-parlamentari/