Tag Archive for Europa

Missione a Bruxelles per le imprese spaziali

Su iniziativa di ASAS congiuntamente con AIAD e Aipas, si è tenuto oggi – con grande successo – un workshop-meeting tra le imprese italiane del settore Spazio e i rappresentanti della Commissione europea.

Il workshop  è stato caratterizzato da un approccio dialettico e ha visto i contributi e la disponibile partecipazione di Matts Ljunqvist (su call 2016-2017 e SST), Mauro Facchini (Copernicus), Emilio Delfini (Galileo-Egnos), Marco Malacarne (Sme instrument), Giuseppe Daquino (sul processo di gestione e valutazione delle proposte) e Apostolia Karamanli che si è soffermata sulla politica della Commissione in ambito Spazio e sulla necessità di un sempre più forte coinvolgimento del sistema industriale.

Gli aggiornamenti forniti dai relatori istituzionali sono stati seguiti da un ampio e prezioso dialogo con le imprese presenti su diversi aspetti di interesse delle stesse, coerentemente con l’approccio operativo che ha caratterizzato l’iniziativa.

Apertura lavori

Apertura lavori

 

Interventi di Karamanli, Ljungqvist, Facchini, Delfini, Malacarne, Daquino

Interventi di Karamanli, Ljungqvist, Facchini, Delfini, Malacarne, Daquino

Confermato Des Dorides al GSA

Il board di GSA – Global Satellite Agency, l’agenzia UE che gestisce una serie di attività relative ai programmi europei di posizionamento e navigazione via satellite, come GALILEO ed EGNOS – ha confermato all’unanimità per altri 4 anni il mandato a Carlo des Dorides, direttore esecutivo dell’agenzia europea dal gennaio 2011.

 

 

EU Space Policy Conference 2015

ASAS partecipa ai lavori della Conferenza sulla Politica Spaziale Europea ““EU Space Policy Confronted With the Rising Demand for Services and Applications”

 

Si segnala inoltre un articolo di approfondimento sulla Conferenza e sulle dichiarazioni di Elzbieta Bienkowska, Commissario per il mercato interno e responsabile per la Space Policy.

ESTRATTO:

The European Commission on Jan. 28 confirmed that it will continue using Europeanized Russian Soyuz rockets to launch Europe’s Galileo positioning, navigation and timing satellites despite the rocket’s recent anomalies.

In a concurrent announcement, the commission’s new space director, Elzbieta Bienkowska, said her top policy initiative in 2015 is to create a single European market for high-resolution satellite imagery to force owners of high-resolution satellites to offer their products on a nondiscriminatory basis throughout the 28-nation European Union.

In announcing the Soyuz decision, whose sensitivity was such that it required a meeting of the European College of Commissioners — all 28 European Union members plus the European Commission president — Bienkowska said the priority should be getting Galileo in service as quickly as possible.

Bienkowska said that under her mandate, she has set as a goal the start of early Galileo global navigation services by 2016 — which would require 10-12 satellites in orbit — and that full service from a 30-satellite constellation should begin by late 2020.

Bienkowska also said she is crafting a directive that would make it easier for customers in EU nations without high-resolution Earth observation satellites to get access to data. She said nations with their own satellites had not been fair or transparent in their dealings with other governments and customers. She acknowledged that these imagery-supplier nations will object to her directive, but she said it remains her highest-priority initiative for 2015.

Articolo completo su Space News:

http://spacenews.com/europe-to-continue-using-soyuz-for-galileo-deployment/

Geopolitica dello Spazio

Interessante intervista al presidente ASI a cura di Alessandro Aresu, pubblicata su Limes.

temi.repubblica.it/limes/nello-spazio-leuropa-e-davvero-unita/67547

Partenariati Europei per l’Innovazione

È partito il progetto, voluto dalla Regione Lazio, per la costruzione di un Tavolo Nazionale per il Partenariato Europeo per l’Innovazione in materia di Spazio (Pei “Spazio” o Eip “Space”). Il 14 maggio si è tenuto infatti presso lo Spazio Europa della Rappresentanza della Commissione Europea a Roma un convegno promosso dall’assessore regionale allo Sviluppo Economico e Attività Produttive della Regione Lazio, Guido Fabiani, che ha riunito i protagonisti e gli stakeholder del mondo dell’impresa e della ricerca del settore aerospazio in Italia.

Scopo dell’iniziativa: condividere visioni, progetti di investimento e prospettive del settore e suggerire possibili linee di azione per il Pei “Spazio”, in termini di opportunità di sfruttamento di tecnologie di matrice spaziale in applicazioni per il settore dell’agrifood, della salute, della gestione delle acque, della gestione delle risorse naturali, delle sviluppo delle smart cities.

I Partenariati Europei per l’Innovazione (Pei), sono un nuovo strumento di consultazione voluto dalla Commissione Europea con lo scopo di coordinare efficacemente gli interventi di supporto alla ricerca e all’innovazione messi in campo dalle diverse Regioni al fine di massimizzare l’impatto delle politiche di settore.

Per fare questo i Pei riuniscono tutti i gli attori economici e istituzionali rilevanti a livello regionale, nazionale e comunitario al fine di favorire le attività di ricerca e sviluppo, coordinare gli investimenti in progetti pilota e di dimostrazione e sostenere la “domanda” di soluzioni innovative.

Il Pei “Spazio” è diventato un obiettivo della rete Nereus (Network of European REgions Using Space technologies) ed è stato inserito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri fra gli obiettivi della Presidenza Italiana dell’Unione del secondo semestre 2014 (che inizierà il 1° luglio prossimo), un segno della centralità che il settore dell’aerospazio ha nella strategia di sviluppo dell’economia del nostro Paese.Il Pei “Spazio” rappresenterà quindi la piattaforma di coordinamento grazie alla quale le Regioni europee nelle quali il settore aerospaziale è particolarmente rappresentativo potranno creare il contesto più favorevole possibile a una commercializzazione di tecnologie di matrice spaziale.

La giornata è stata l’occasione, tra le altre cose, per comprendere quale potrebbe essere il contributo potenziale del settore spazio – declinato nelle cinque macro-categorie tecnologiche Galileo (geolocalizzazione), Copernicus (osservazione della terra), MeteoSat (clima), SatCom (telecomunicazioni), SubSystems (life support, energy ecc.) – al miglioramento della qualità della vita di cittadini e istituzioni nel quadro delle priorità di azione individuate dai Partenariati esistenti, identificando con chiarezza il ruolo che il sistema industriale italiano può giocare in questo contesto.

Lo Spazio e la Formica

Su Formiche.net pubblicato un primo contributo al dibattito sulla politica spaziale Con un articolo che riassume i punti in discussione:

http://www.formiche.net/2014/04/16/sistema-spazio-cercasi/

 

 

Conferenza PD sulle attività spaziali

ASAS presenta le sue “tesi” alla conferenza del PD.

Esponenti delle associazioni, delle imprese e della ricerca spaziali, tra i quali  anche il Commissario ASI, Sandulli, si sono confrontati nel pomeriggio del 15 aprile 2014 con i rappresentanti del PD in un lungo e ricco dibattito coordinato dal responsabile economia della Segreteria PD, Filippo Taddei e da Enrico Ceccotti.

Al di là delle specificità degli interlocutori, forte é stata la convergenza sui temi chiave del c.d. “semestre italiano”, della ministeriale ESA e del nuovo assetto dell’ASI, in una logica che ponga al centro una vera Politica industriale per lo Spazio.

Temi che, peraltro, sono stati fortemente sottolineati dal segretario generale ASAS, che ha esposto il contributo del presidente Fargnoli.

Approfondimento: un articolo di Formiche.net sulla conferenza

 

 

Parmitano e il Semestre Europeo

Con una nota ufficiale dell’11 aprile 2014, Palazzo Chigi annuncia:

“Luca Parmitano sarà “ambasciatore” del semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea. L’astronauta dell’ESA (European Space Agency) e Maggiore dell’Aeronautica Militare ha trascorso 166 giorni nello spazio a bordo della ISS durante la missione “Volare” dell’ASI (Agenzia Spaziale Italiana) portando a termine oltre 20 esperimenti e prendendo parte a due attività extra veicolari e all’attracco di quattro navette. È stato l’unico astronauta italiano ad effettuare queste attività.
Parmitano è un esempio del talento e della competenza dell’Italia, in Europa e nel mondo, che la Presidenza italiana del Consiglio dell’Unione europea intende promuovere durante il semestre di turno”.

ANSA 11-04-2014: “Per il Commissario straordinario dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Aldo Sandulli, “è il riconoscimento del ruolo centrale delle attività spaziali nel campo della politica europea”.
”Per l’Agenzia Spaziale Italiana è la conferma del contributo strategico del nostro Paese in un settore all’avanguardia e fortemente competitivo, che ci vede tra i principali attori internazionali”, ha proseguito Sandulli. ”Parmitano – ha aggiunto – è la sintesi più completa di quello che l’Europa rappresenta. Come astronauta italiano appartenente al corpo degli astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea, Parmitano è la punta di diamante delle grandi capacità che il nostro Paese sa mettere in campo in condivisione integrata in ambito europeo. Ringraziamo il Governo per questa scelta che ci onora e ci inorgoglisce”.

 

Protetto: Missione “Servizi Innovativi” a Bruxelles.

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Dialoghi Spazio: Vittorio Prodi

Nel quadro dei “Dialoghi Spazio”, ASAS ha organizzato  un incontro  con l’On. Vittorio Prodi, presidente dell’intergruppo europeo Sky & Space.

L’ incontro, rivolto agli imprenditori del settore, si è tenuto  il 31 gennaio presso la sede dell’associazione e ha visto un ampio dibattito che ha toccato temi quali i grandi programmi europei, il ruolo dell’Europa su aspetti di rilevanza globale, ma anche l’approccio al dialogo tra Stati membri e al coinvolgimento della base sociale (a partire dalle scuole) sul tema Spazio.